Necessario eliminare denti sani nel corso di una terapia Ortodontica?

 

    I denti sono allineati lungo le due arcate dentarie, superiore ed inferiore, e si collocano in funzione dello spazio che hanno a disposizione. Talvolta la lunghezza dell’arcata è insufficiente ad ospitare tutti i denti.     Di solito gli ultimi denti permanenti (definitivi) che erompono non riescono ad allinearsi correttamente e si dispongono dove trovano minore resistenza: tipici sono i canini che erompono in alto ed esternamente alle arcate dentarie o i denti del giudizio (terzi molari) che spesso rimangono inclusi nell’osso per mancanza di spazio. In questi casi, se si vogliono allineare i denti nelle due arcate ripristinando una buon’occlusione (contatto dei denti superiori con gli inferiori), l’ortodontista consiglia l’estrazione di determinati elementi dentari che spesso sono perfettamente sani.

    Bisogna rilevare che gli spazi residuati in arcata in seguito a tali estrazioni saranno perfettamente chiusi dai denti contigui con la terapia ortodontica fissa.Tali estrazioni sono indispensabili per una buona riuscita del trattamento ortodontico e per il raggiungimento di un allineamento dei denti che si mantiene stabile per un tempo più lungo possibile.

    Vani tentativi di allineamento di tutti i denti in arcata per evitare tali estrazioni possono inevitabilmente danneggiare alcuni elementi dentari che si troverebbero forzatamente collocati in uno spazio a loro insufficiente: conseguenze più frequenti sarebbero l’esposizione di alcune radici e un progressivo accavallamento di alcuni elementi dentari che vanificherebbero quindi la terapia ortodontica effettuata.